Serie di frantoi a urto a uso flessibile MR EVO2

Con il MOBIREX MR 110 Z EVO2 e MR 130 Z EVO2, Kleemann offre impianti mobili di frantumazione a urto, utilizzabili in modo particolarmente flessibile nelle operazioni di riciclaggio e nella lavorazione della pietra naturale. Grazie ad alcune opzioni supplementari è possibile adattare gli impianti al relativo utilizzo, per ottenere i migliori risultati.

Impianti di frantumazione a urto EVO2 con il nuovo sistema di comando "SPECTIVE"

I frantoi a urto mobili della serie MOBIREX EVO2 vengono adoperati nella prima e nella seconda fase di frantumazione. Sono costruiti in maniera tale da poterli trasportare in modo semplice ed essere rapidamente pronti all'uso. Inoltre, il sistema di azionamento diesel diretto provvede a un'elevata potenza, pur mantenendo consumi ridotti. Per un migliore utilizzo e una maggiore produttività, l’impianto di frantumazione a urto si allarga in direzione del flusso di materiale. L’innovativo sistema Continuous Feed (CFS) regola la frequenza dei nastri trasportatori in funzione del grado di utilizzo del frantoio. Il sistema di comando dell'impianto avviene mediante un Touchpanel da 12 pollici. Dietro ad esso si nasconde la nuova soluzione di comando SPECTIVE. Essa semplifica l'uso dell'impianto, perché tutte le funzioni sono individuabili a colpo d'occhio e il percorso è indicato da chiari simboli. In questo modo si evitano errori operativi e aumenta la sicurezza sul lavoro. Importanti funzioni, come ad esempio la regolazione della fessura di frantumazione, diventano semplici e in parte vengono adattate durante il funzionamento.

Elevata qualità della pezzatura finale grazie all'unità di vagliatura secondaria

Il prevaglio a due piani integrato, a oscillazione indipendente, setaccia parti fini in modo affidabile. L'impianto può inoltre essere dotato di un’unità di vagliatura secondaria extra-grande, per produrre elevate quantità di una determinata pezzatura finale, senza l’uso supplementare di un vaglio separatore. A una qualità della pezzatura finale ancora migliore provvede la dotazione opzionale dell’unità di vagliatura secondaria con un convertitore di frequenza. La frequenza del vaglio secondario può quindi essere comandata indipendentemente dal frantoio e dal motore. Il vantaggio sta nel fatto che il motore può girare a basso numero di giri e di conseguenza si forma un minor numero di parti fini proprio nelle operazioni di riciclaggio. Contemporaneamente è possibile impostare a un livello più alto il numero di giri del vaglio, ottenendo una setacciatura più efficiente.

Funzionamento efficiente dell'impianto di frantumazione

Un ulteriore esempio per l’incremento dell’efficienza è il separatore pneumatico opzionale. Questo provvede a una maggiore qualità del materiale, perché quest'ultimo viene separato minuziosamente da impurità come legno e plastica . La corrente d'aria può essere regolata con precisione a seconda del materiale. In questo modo è necessario un minor lavoro manuale di selezionatura.

Per poter monitorare costantemente la produzione dell’impianto di frantumazione a urto, si ricorre a una pesa integrata sul nastro.

IT