Impianto di miscelazione dell'asfalto RPP 4000 Benninghoven utilizzato da Knäble

Massimo riciclo grazie al generatore di gas caldo Benninghoven

Il nuovo RPP 4000 Benninghoven ha già prodotto materiale di miscelazione utilizzando un 96% di asfalto vecchio

Con Recycling Priority Plants (RPP), Benninghoven denomina gli impianti destinati alla produzione di asfalto la cui quantità è stata per la maggior parte riciclata. Grazie all'integrazione di un generatore di gas caldo - la tecnologia di riciclo leader di Benninghoven - i clienti possono soddisfare l'esigenza massima di un'azienda a basse emissioni e produrre materiale di miscelazione fresco fino a 90 + X % di asfalto riutilizzato. Questo è superiore a qualsiasi altro sistema di riciclo presente sul mercato, con vantaggi convincenti per il gestore, come riportato entusiasticamente da un esempio dalla Germania del sud.

Biberach (Baden) | Germania

Soltanto il processo di produzione dell'asfalto utilizzando del minerale bianco come base è particolarmente impegnativo, poiché presuppone una tecnologia d'impianto perfettamente compatibile tra i due. Tuttavia, se occorre lavorare prevalentemente asfalto rimosso e fresato per produrre del nuovo materiale di miscelazione, per la tecnologia con generatore di gas caldo di Benninghoven non c'è praticamente nulla da fare, poiché con questo i gestori possono trasformare al 100 % l'asfalto vecchio in nuovo materiale di miscelazione e, così facendo, si attengono alle rigide direttive della nuova normativa tedesca TA-Luft. Da un po' di tempo ciò è dimostrato anche da un impianto RPP 4000 dell'impresa edilizia media Knäble GmbH costruzioni di strade di Biberach (Baden).



Scoprite di più...

Scoprite nel video i vantaggi del generatore di gas caldo di Benninghoven.

Nuovo RPP 4000 per percentuali di riciclo più alte possibili

Se percorrete la Bundesstraße 33 (strada statale tedesca 33) attraversando la valle di Kinzig nella Foresta Nera, arriverete all'altezza del comune di Biberach e rimarrete a bocca aperta: vedrete un nuovo, modernissimo impianto Benninghoven di tipo RPP 4000 con un'altezza complessiva pari a 55 m. Il nuovo impianto di miscelazione dell'asfalto della media impresa edilizia Knäble GmbH costruzione di strade di Biberach (Baden) è speciale sotto vari aspetti. Così il RPP 4000 sostituisce un impianto del tipo TBA 3000, che per dieci anni ha prodotto il materiale di miscelazione per entrambe le colonne di asfalto di Knäble: un breve lasso di tempo per impianti di miscelazione dell'asfalto. La maggior parte degli impianti Benninghoven hanno un ciclo di vita che va dai 30 ai 40 anni.

Perché allora la tradizionalissima impresa edilizia di costruzione di strade ha investito in una nuova tecnologia e non in una soluzione retrofit? "A dire il vero, il retrofit è stato il punto di partenza del progetto. Nella nostra regione, di recente svariate aziende hanno investito nei propri impianti, il settore di mercato quindi è molto dinamico. Insieme al nostro partner di riferimento Benninghoven abbiamo valutato i pro e contro di diverse soluzioni tecnologiche. Il risultato è stato che noi, applicando una nuova tecnologia, riusciamo a soddisfare le nostre esigenze di riciclo, qualità e prestazione in modo molto più efficace e sicuro per il futuro - e così abbiamo scelto il nuovo impianto Benninghoven, sottolinea Nicolas Knäble, amministratore della quarta generazione. "Anche per questo abbiamo scelto la tecnologia Benninghoven, poiché la costruzione di strade nel Baden-Württemberg si basa fortemente sul riciclo. Inoltre siamo un'azienda che vuole agire tutelando le risorse disponibili, ovvero consumare il meno minerale bianco e bitume possibile e incrementare invece la quantità di asfalto vecchio, al fine di raggiungere la percentuale di riciclo più alta possibile."

Nicolas Knäble, amministratore Knäble GmbH costruzione di strade

"Siamo un'azienda che vuole agire tutelando le risorse disponibili."

Nicolas Knäble, amministratore Knäble GmbH costruzione di strade

L'impianto di miscelazione dell'asfalto Benninghoven RPP 4000 utilizzato da Knäble GmbH soddisfa l'esigenza di riciclo massimo a basse emissioni.

Generatore di gas caldo con principio della controcorrente

La tecnologia Benninghoven con tamburo di riciclo nel principio della controcorrente con generatore di gas caldo: Il bruciatore effettua la combustione nel generatore di gas caldo e scalda in modo intensivo l'aria di ricircolo. Quest'aria bollente riscalda il materiale di riciclo nel tamburo di riciclo indirettamente e non danneggiando il materiale. Il materiale riscaldato alla temperatura finale finisce nei silos di stoccaggio, da dove viene convogliato nel miscelatore.

Benninghoven garantisce il rispetto della norma TA-Luft

Per la media impresa di costruzioni di strade, investire ha una grande importanza strategica. In questo modo, grazie alla tecnologia di riciclo leader - il generatore di gas caldo Benninghoven -, l'asfalto vecchio viene trasformato al 100 % in nuovo materiale di miscelazione. Così facendo Knäble è in grado di soddisfare la richiesta di riciclo massimo la cui prevede che, nel Bundesland Baden-Württemberg, per la produzione di nuovo materiale di miscelazione si sfruttino al massimo le quantità aggiunte di asfalto vecchio autorizzate dalla legge. "Il riutilizzo di materiali da costruzione consente di risparmiare energia e rappresenta un contributo importante per la tutela del clima", afferma Winfried Hermann, ministro dei trasporti del land. Questa misura ha già fatto in modo che il Baden-Württemberg nel 2018 abbia riciclato 2,5 Mil. di tonnellate di asfalto - molto di più rispetto alla media nazionale.

Inoltre, alla fine del 2021 è stata approvata la norma TA-Luft rivista, contenente le indicazioni tecniche per il mantenimento dell'aria pulita. "I valori limite definiti all'interno di tale norma possono essere rispettati attraverso la tecnologia del generatore di gas caldo, che Benninghoven garantisce per tutti i livelli di capacità produttiva e persino ad alte percentuali di riciclo", ribadisce Steven Mac Nelly, direttore del dipartimento di Ricerca e Sviluppo di Benninghoven. "Per questo gli impianti di tipo RPP sono progettati appositamente per soddisfare le esigenze di Knäble." Come già menzionato, RPP sta per Recycling Priority Plant, ovvero un impianto che ha come priorità il flusso di materiale da riciclo e che produce la maggior parte di asfalto utilizzando prevalentemente quantità riciclate.

Steven Mac Nelly, direttore del dipartimento di Ricerca e Sviluppo di Benninghoven

"Benninghoven garantisce il rispetto della norma TA-Luft."

Steven Mac Nelly, direttore del dipartimento di Ricerca e Sviluppo di Benninghoven

Pioniere nel riciclo dell'asfalto, la tendenza del futuro

"In quanto azienda moderna, siamo sostenitori delle rigide norme di legge, poiché vogliamo progredire nel nostro lavoro", afferma convinto Nicolas Knäble. "Riciclare più asfalto possibile è anche il nostro obiettivo". E, grazie al nostro nuovo impianto, non abbiamo nessun tipo di difficoltà a rispettare le direttive. Con la tecnologia Benninghoven, questo funziona alla perfezione." Considerando i valori Cges, ovvero quelli relativi al contenuto di carbonio totale, l'impianto RPP 4000 di Knäble raggiunge valori che sono ben al di sotto dei valori limite da rispettare. "Siamo entusiasti del fatto che l'impianto lavori in modo così pulito e che, tuttavia, riusciamo a portare in cantiere del materiale di miscelazione di prima classe" afferma Nicolas Knäble, il quale vede ancora molte opportunità per il futuro del l riciclo dell'asfalto: "Lavorando con una tecnologia simile, naturalmente si cerca di incrementare anno per anno la percentuale di riciclo e di tutelare sempre di più le risorse."

"Riciclare più asfalto possibile è il nostro obiettivo". E con il nostro nuovo RPP 4000 non abbiamo nemmeno nessun tipo di difficoltà."

Nicolas Knäble, amministratore Knäble GmbH costruzione di strade

Qualità impeccabile

"Nella produzione di materiale di miscelazione per il sottofondo stradale, abbiamo già raggiunto il 96 %. E la qualità raggiunta è impeccabile", commenta Nicolas Knäble. "I tempi in cui la lavorazione dell'asfalto rimosso rappresentava una sfida sono ormai cosa passata. Dobbiamo cercare, piuttosto, che ci vengano commissionati regolarmente grossi incarichi di fresatura o di risanamento dello strato di copertura dell'asfalto, al fine di ricavarne la materia prima necessaria per la produzione di materiale di miscelazione da riciclo, facendo in modo di non rimanere senza 'l'oro nero'."

Capacità di miscelazione maggiore e gestione dell'energia più efficiente

RPP 4000 non solo integra la tecnologia di riciclo sostenibile tramite il generatore di gas caldo, bensì incrementa anche la capacità di miscelazione. "Il nostro nuovo impianto è costituito da un RPP 4000 con un miscelatore di 4 t per una capacità produttiva di 320 t/h“,, afferma Nicolas Knäble. Con il vecchio impianto, la sua impresa era in grado di produrre soltanto 240 t/h. "Ciò corrisponde quasi al nostro generatore di gas caldo attuale, che è in grado di riscaldare già 220 t/h di vecchio asfalto e che contribuisce così al processo."

Preparato per grandi progetti e l'approvvigionamento di diverse ricette: RPP 4000 è in grado di produrre 320 t di materiale di miscelazione all'ora - e di tenere disponibili 440 t di silo di carico del conglomerato con quattro camere.

Il bruciatore multicombustibile EVO JET 3 aumenta la sicurezza del futuro

Anche tanti altri componenti sono concepiti al fine di far incrementare prestazione ed efficienza. "Nella configurazione di RPP 4000 sono presenti anche due bruciatori multicombustibili EVO JET 3 - ciascuno per il tamburo essiccatore di minerale bianco e per il tamburo di riciclo -, che oltre a olio e polvere di carbone, sono in grado di bruciare anche gas naturale in modo estremamente efficiente. In questo modo, Knäble potrà reagire con flessibilità alle fluttuazioni di mercato del costo dell'energia, utilizzando il combustibile più economico in ogni momento", così Steven Mac Nelly di Benninghoven.

Investimento nel futuro

Nel complesso, tutto ciò rende il nuovo impianto di miscelazione dell'asfalto un vero e proprio investimento per il futuro di Knäble. La tradizionalissima impresa familiare della Foresta Nera Centrale impiega all'incirca 150 dipendenti. Due colonne di asfalto proprie lavorano la maggior parte del materiale di miscelazione ottenuto da cantieri stradali della regione, utilizzando alimentatori e finitrici di Vögele e laminatrici di Hamm. Anche un impianto di vagliatura Kleemann e fresature Wirtgen fanno parte del parco macchine.

In solo dodici giorni, la Knäble GmbH costruzione di strade è riuscita a risanare lo strato di collegamento e di copertura di un pezzo di strada lungo 3,2 km lungo la L 98 di Kehl.

In solo dodici giorni, la Knäble GmbH costruzione di strade è riuscita a risanare lo strato di collegamento e di copertura di un pezzo di strada lungo 3,2 km lungo la L 98 di Kehl. Sono state utilizzate numerose macchine firmate Wirtgen Group - tra cui SUPER 2100-3i, la finitrice Vögele recentemente acquistata, e la laminatrice Hamm. Ovviamente il materiale di miscelazione dell'asfalto è stato prodotto dal nuovo impianto Benninghoven RPP 4000 di Knäble.

Resoconto attività

Il generatore di gas caldo firmato Benninghoven definisce l'edizione della tecnologia di riciclo

Raggiungere, allo stesso tempo, alte percentuali di riciclo e basse emissioni è possibile soltanto nel principio della controcorrente del generatore di gas caldo. Perché? Riscaldando l'asfalto vecchio, il minerale bianco aggiunto non deve essere surriscaldato quando viene conferito al processo di miscelazione, in modo da poter rispettare il livello di temperatura richiesto, che con l'asfalto caldo va dai 140 °C ai 180 °C. Così facendo, applicando questa procedura si risparmiano sia emissioni sia molta energia.

Riduzione delle emissioni al di sotto del livello richiesto dalla TA-Luft

Il processo è reso possibile dall'utilizzo del generatore di gas caldo Benninghoven: mentre nella combustione diretta il materiale di riciclo rivestito con bitume "brucerebbe", il generatore di gas caldo lo riscalda solo in modo indiretto e lo porta in modo graduale alle temperatura di lavorazione ottimale. Allo stesso tempo, la procedura riduce le emissioni portandole al di sotto del livello richiesto dalla TA-Luft - ad esempio effettuando un post-trattamento prevalentemente termico agli idrocarburi contenuti nel gas di scarico. Nell'impianto di Knäble, un misuratore costante delle emissioni - posizionato sul camino dell'impianto - indica il rispetto dei valori limite in qualsiasi momento. "Rispetto all'esercizio del vecchio impianto, la nostra percentuale di riciclo media è aumentata dal 25 % al 60 %", spiega orgogliosa Myriam Knäble, moglie dell'amministratore. "E con la nostra nuova tecnologia risparmiamo 770 t di CO₂ all'anno rispetto al vecchio impianto."

Risparmio sui costi con meno CO₂

Considerando la tariffazione della CO₂ in Germania, per il mercato in cui Knäble è attivo, tutto ciò rappresenta un enorme vantaggio. Da un po' di tempo infatti, per i combustibili (ad eccezione dei biocombustibili), i fornitori di energia sono tenuti a richiedere dei diritti di emissione - meglio noti come certificati CO2₂ -. I costi da sostenere aumentano di anno in anno e di conseguenza ricadono sui propri clienti. Per questa ragione in futuro saranno fortemente avvantaggiate le imprese che agiscono in un'ottica energetica efficiente e a emissioni bassissime, tutelando quindi l'ambiente.

"Del nuovo sistema di comando, è soprattutto il generatore di ricette di riciclo ciò che ci agevola il lavoro. Con questo siamo in grado di aumentare gradualmente la percentuale di riciclo e, il rapporto tra minerale bianco e materiale di riciclo, nonché la quantità di bitume si adattano automaticamente."

Nicolas Knäble, amministratore Knäble GmbH costruzione di strade

Scoprite ora il generatore di gas caldo:

il leader della tecnologia di riciclo firmata Benninghoven

Per saperne di più...