Le tecnologie del Wirtgen Group alla conquista del Brasile: ripristino della rodovia Ayrton Senna me-diante riciclaggio a freddo

L’autostrada SP-070, nota anche come rodovia Ayrton Senna, è un’ulteriore grande arteria brasiliana lungo la quale il metodo di riciclaggio a freddo ha messo alla prova i suoi vantaggi in fatto di rispetto dell’ambiente e in termini di risparmio di tempo e costi.

L’autostrada SP-070 è un’importante via di comunicazione da São Paulo a Campos do Jordão, Vale do Paraíba e Rio de Janeiro, e al tempo stesso è la principale via di accesso all’aeroporto internazionale di Guarulhos. Da giugno 2009 viene gestita dalla società Ecopistas, che in virtù di un contratto di concessione trentennale è re-sponsabile della manutenzione della rodovia Ayrton Senna.

Di recente su un tratto lungo 35 km da São Paulo in direzione orientale sono state ripristinate strutturalmente le due semicarreggiate tra i chilometri 11 e 46, in quanto lo strato di base in misto cementato da 25 cm sotto il manto d’asfalto era fortemente ammalorato a causa del transito giornaliero di circa 125 000 veicoli per senso di marcia, di cui il 15% di automezzi pesanti.

Il riciclaggio a freddo in-plant si è rilevato essere la soluzione ottimale

Ecopistas e l’impresa incaricata dell’intervento di ripristino, la Fremix Engenharia e Comércio Ltda., hanno optato entrambe per la tecnologia in grado di garantire i ri-sultati migliori e i tempi di cantiere più brevi: il riciclaggio con bitume schiumato pro-dotto nell’impianto mobile per riciclaggio a freddo Wirtgen KMA 220.

La scelta del metodo di ripristino ottimale era inoltre vincolata a una severa condi-zione: nei giorni feriali i lavori sulla trafficatissima autostrada SP-070 erano limitati a una finestra temporale notturna di otto ore dalle 21 alle 5, poiché di giorno già la chiusura di una sola corsia per lavori avrebbe creato gravi intralci alla circolazione. La ristretta tempistica ha dunque portato a scartare la posa in opera di uno strato in conglomerato bituminoso di grosso spessore. Infatti, mentre con i metodi di ripristino convenzionali i pacchetti bituminosi di maggiore spessore devono raffreddare per quattro giorni circa (nel caso delle pavimentazioni in calcestruzzo la presa dura ad-dirittura ancora più a lungo), grazie alla tecnologia di riciclaggio a freddo Wirtgen è stato possibile ripristinare la pavimentazione stradale tratto per tratto e riaprirla subito dopo al traffico.

“Tra il confine della città di São Paulo e l’aeroporto non si possono chiudere corsie durante le ore diurne a causa dei grandi volumi di traffico. Per questo il lavoro è stato eseguito di notte durante la settimana e nei week-end”, spiega Elio Cepollina Junior, direttore commerciale della Fremix. Ulteriore vantaggio: grazie alla celere ese-cuzione dei lavori, al contenuto numero dei viaggi di trasporto e al riciclaggio totale del fresato, il metodo è anche molto economico e rispettoso dell’ambiente.

a scarificatrice Wirtgen W 1900 vanta una profondità di fresatura massima di 320 mm che consente di asportare in un’unica passata interi pacchetti di pa-vimentazione composti da strati di base, collegamento e usura. Ciò garantisce una grande produttività e permette di risparmiare tempo.

a scarificatrice Wirtgen W 1900 vanta una profondità di fresatura massima di 320 mm che consente di asportare in un’unica passata interi pacchetti di pa-vimentazione composti da strati di base, collegamento e usura. Ciò garantisce una grande produttività e permette di risparmiare tempo.

Due scarificatrici Wirtgen e un frantoio a mascelle Kleemann hanno spianato la strada all’intervento

Gli strati ammalorati, composti da un pacchetto bituminoso spesso 10 cm circa e dal sottostante strato di base in misto cementato da 25 cm, sono stati scarificati separa-tamente e il fresato è stato caricato su camion. A tale scopo la Fremix si è servita di due scarificatrici Wirtgen di grossa taglia: la W 1900 e la W 200.

I materiali scarificati sono stati trasportati con camion al piazzale di riciclaggio alle-stito nelle immediate vicinanze del cantiere. Giunti lì, sono stati sminuzzati dal mo-dernissimo frantoio mobile a mascelle Kleemann MC 110 Z EVO per ottenere una pezzatura massima di 20 mm e una distribuzione granulometrica ottimale. L’impian¬to di frantumazione mobile può essere impiegato in modo versatile sia per il trattamento di inerti naturali che per il riciclaggio di conglomerati bituminosi e altri materiali da demolizione.

Il frantoio a mascelle Kleemann MC 110 Z EVO sminuzza il fresato fino a una granulometria massima di 20 mm prima che esso venga riciclato nell’impianto KMA 220.

Il frantoio a mascelle Kleemann MC 110 Z EVO sminuzza il fresato fino a una granulometria massima di 20 mm prima che esso venga riciclato nell’impianto KMA 220.

Il fresato è stato riciclato direttamente sul posto nell’impianto Wirtgen KMA 220

In seguito il fresato è stato riciclato da due impianti mobili per riciclaggio a freddo Wirtgen modello KMA 220, in modo da ottenere un conglomerato di alta qualità con-fezionato con l’aggiunta di bitume schiumato. L’impianto KMA 220 può essere tra-sportato agevolmente da cantiere a cantiere e installato rapidamente nelle immediate vicinanze del sito di stesa. Così ben due impianti sono stati allestiti proprio accanto all’autostrada per ridurre in misura significativa il numero dei viaggi per il trasporto di materiali.

Juliano Gewehr, specialista dei prodotti presso la Ciber Equipamentos Rodoviários, spiega: “L’impianto mobile per riciclaggio a freddo ci permette di riutilizzare il mate-riale scarificato. Noi lo ottimizziamo aggiungendovi dei leganti e materiali d’integra-zione per ottenere un materiale avente proprietà meccaniche ottimali, in grado di ga-rantire una vita utile molto lunga della pavimentazione stradale”.

L’efficiente impianto mobile per rici-claggio a freddo Wirtgen KMA 220 convince con una capacità produttiva che può arrivare fino a 220 t/h nel con-fezionamento di conglomerati a freddo di qualità da materiali stradali riciclati.

L’efficiente impianto mobile per rici-claggio a freddo Wirtgen KMA 220 convince con una capacità produttiva che può arrivare fino a 220 t/h nel con-fezionamento di conglomerati a freddo di qualità da materiali stradali riciclati.

Il preciso dosaggio dei leganti è determinante per il successo

Lo studio delle miscele e il monitoraggio della qualità erano stati affidati agli ingegneri della Loudon International, che assieme ai tecnici della JBA Engineering and Consulting Ltda. hanno accompagnato le indagini preliminari e i lavori di esecuzione. Sulla base delle indagini preliminari eseguite con il laboratorio mobile per bitume schiumato Wirtgen WLB 10 S è stato possibile definire con precisione già prima dell’inizio dei lavori la qualità del bitume schiumato e, in abbinamento al mescolatore da laboratorio Wirtgen WLM 30, la composizione ottimale della miscela bituminosa. La ricetta compositiva così individuata prevedeva l’aggiunta dell’1% di idrossido di calce e del 2% di bitume.

All’interno della camera di espansione dell’impianto KMA 220 il bitume caldo viene schiumato con l’aggiunta di aria e acqua. Così si ottiene un bitume schiumato il cui volume è fino a 20 volte maggiore di quello del prodotto originario. Il bitume schiu-mato viene amalgamato omogeneamente con l’idrossido di calce e il fresato. I mate-riali riciclati sono stati quindi posti in opera in due strati: mentre il primo strato, spesso 20 cm, è stato compattato da un rullo monotamburo Hamm 3414 da 14 t affiancato da un rullo tandem Hamm HD 90 da 9 t, il rullo HD 90 ha provveduto da solo alla compattazione del secondo strato, spesso 13 cm. La posa in opera di uno strato d’usura da 2 cm, straordinariamente sottile, è stata affidata a una finitrice cingolata Vögele SUPER 1300-3. Un rullo gommato Hamm GRW 280 ha provveduto alla compattazione finale del conglomerato bituminoso.

La finitrice stradale Vögele SUPER 1300-3i è estremamente compatta, ma vanta comunque una grande produttivi-tà e una larghezza di stesa che può ar-rivare fino a 5,00 m.

La finitrice stradale Vögele SUPER 1300-3i è estremamente compatta, ma vanta comunque una grande produttivi-tà e una larghezza di stesa che può ar-rivare fino a 5,00 m.

Le macchine del Wirtgen Group garantiscono sempre un risultato eccellente

Valmir Bonfim è molto soddisfatto del risultato conseguito. Per il direttore tecnico della Fremix si sono riconfermate le buone esperienze finora maturate in ogni parte del mondo con la tecnologia di riciclaggio a freddo. Vede pertanto un ulteriore grande potenziale per il riciclaggio a freddo in Brasile: “Questo progetto costituirà senza ombra di dubbio un precedente per futuri interventi stradali in Brasile”.

All’impegnativo progetto hanno partecipato ben dieci differenti modelli di macchine del Wirtgen Group. Valmir Bonfim li aveva scelti con oculatezza: “In un cantiere di queste dimensioni, dove il ripristino del rispettivo tratto stradale deve essere ultimato entro un giorno, non possiamo correre rischi. Per questo abbiamo optato per le macchine affidabili e le tecnologie e i metodi applicativi più avanzati del Wirtgen Group”. Gli ha dato ulteriore sicurezza la presenza continua in loco di esperti e tecnici manutentori del Wirtgen Group.

Il rullo gommato Hamm GRW 280 ha provveduto alla compattazione finale dello strato d’usura in conglomerato bituminoso.

Il rullo gommato Hamm GRW 280 ha provveduto alla compattazione finale dello strato d’usura in conglomerato bituminoso.

Alvaro Rodrigo Pinheiro, engineering manager della concessionaria Ecopistas, è convinto della tecnologia di riciclaggio a freddo Wirtgen e ritiene che essa sia una soluzione buona e rispettosa dell’ambiente per il ripristino strutturale della rete stra-dale brasiliana. Considerati gli eccellenti risultati conseguiti, Ecopistas prevede di operare negli anni a venire ulteriori investimenti in tale tecnologia.

IT