Wirtgen W 210i:
grip perfetto per il TT Circuit di Assen

Il TT Circuit ad Assen, nei Paesi Bassi, è tra i circuiti per gare motociclistiche più importanti d’Europa. La ditta tedesca incaricata dei lavori di ripristino della pista, la GMS Fahrbahnsanierungen GmbH, si è affidata a una scarificatrice a freddo Wirtgen W 210i con cabina e rullo per microfresatura FCS.

Con una velocità di avanzamento variabile, a seconda delle esigenze, da 3 a un massimo di 6 metri al minuto, la scarificatrice a freddo Wirtgen W 210i ha risa-gomato in modo rapido e affidabile la dirittura di par-tenza e arrivo.

Con una velocità di avanzamento variabile, a seconda delle esigenze, da 3 a un massimo di 6 metri al minuto, la scarificatrice a freddo Wirtgen W 210i ha risa-gomato in modo rapido e affidabile la dirittura di par-tenza e arrivo.

Il circuito lungo 4,5 km offre posto a 100 000 spettatori ed è attualmente l’unico traccia-to da mondiale progettato specificatamente per le gare motociclistiche. Nel corso delle competizioni, sulla dirittura di partenza e arrivo si erano formate onduIazioni alte da 3 a 8 mm. Conseguenza: durante la frenata prima della curva le moto saltellavano, diven-tando incontrollabili. Dato che ciò comportava un rischio troppo elevato per la sicurezza dei piloti, si è dovuta eseguire la risagomatura del manto su un’area di 3000 m², in modo da ripristinarne la necessaria aderenza.

Per ripristinare l’aderenza della pista si è optato per la fresatura finissima

Una classica applicazione per la lavorazione di fresatura finissima, per cui la GMS, specializzata nella scarifica stradale, ha puntato per l’ennesima volta su questa affer-mata tecnologia del leader di mercato Wirtgen. Con la fresatura finissima è possibile eliminare dal manto stradale le deformazioni superficiali, ottenendo superfici perfetta-mente piane e uniformi.

“Abbiamo optato per una scarificatrice a freddo Wirtgen W 210i attrezzata con un rullo per fresatura finissima FCS LA 6x2. A differenza di un rullo fresante standard è dotato di 672 denti anziché 168”, spiega Ernst Kugel, direttore dei lavori presso la GMS. Di-versamente dai rulli fresanti standard, i rulli per fresatura finissima – denominati anche rulli per microfresatura – vantano una distanza tra le linee di taglio inferiore a 6 mm e creano quindi una tessitura superficiale molto finemente strutturata con una profondità di fresatura massima di 3 cm.

Poiché la cabina può essere spostata sia verso destra che verso sinistra oltre la linea dello zero e può essere ruotata di 110° in entrambi i sensi, a prescindere dalla sua posizione di traslazione laterale, l’operatore della W 210i ha sempre una libera visuale sulla zona di lavoro – anche durante le manovre in retromarcia.

Poiché la cabina può essere spostata sia verso destra che verso sinistra oltre la linea dello zero e può essere ruotata di 110° in entrambi i sensi, a prescindere dalla sua posizione di traslazione laterale, l’operatore della W 210i ha sempre una libera visuale sulla zona di lavoro – anche durante le manovre in retromarcia.

Grande flessibilità grazie all’FCS

Wirtgen propone inoltre la soluzione ideale per poter sostituire in modo rapido e con pochi gesti i rulli fresanti, montando rulli con larghezze operative o interlinee differenti a seconda delle tipologie di intervento: il Flexible Cutter System, abbreviato con la sigla FCS. Un grande vantaggio e al tempo stesso un fattore determinante per un impiego efficiente delle scarificatrici di grossa taglia, come spiega anche Torsten Meyer, ammi-nistratore della GMS: “Per noi è importante impiegare le macchine in modo versatile, per essere in grado di utilizzarle economicamente”.

Così è stato anche durante l’intervento di ripristino del TT Circuit ad Assen. In questo caso la GMS ha inoltre puntato sul sistema di livellazione multiplex, particolarmente in-dicato per misurare le irregolarità molto estese in lunghezza con l’ausilio di vari sensori installati su uno o su entrambi i lati della macchina (ad es. il sensore a cavo flessibile, il sensore a ultrasuoni o il sensore odometrico nel cilindro di sollevamento). Dal valore medio dei sensori collegati viene poi calcolata con grande precisione la profondità di fresatura corrente; ciò permette di compensare molto bene le ondulazioni longitudinali e di ottenere risultati molto precisi in fase di livellazione. Il direttore dei lavori Kugel si è mostrato molto soddisfatto della planarità: “La qualità del manto stradale è ottima, non abbiamo più riscontrato irregolarità superficiali”.

L’appaltatore principale BAM ha controllato con una stadia lunga 4 m la planarità del manto stradale ripri-stinato. Grazie al sistema di livellazione multiplex la W 210i ha svolto un lavoro impeccabile senza lasciare irregolarità superficiali sul manto della pista.

L’appaltatore principale BAM ha controllato con una stadia lunga 4 m la planarità del manto stradale ripri-stinato. Grazie al sistema di livellazione multiplex la W 210i ha svolto un lavoro impeccabile senza lasciare irregolarità superficiali sul manto della pista.

OCS per una maggiore efficienza

È evidente che oltre alla giusta tecnologia applicativa si è impiegata anche la scarifica-trice a freddo ideale per tale intervento: la GMS si è affidata alla Wirtgen W 210i con l’innovativo “Operator Comfort System” (OCS). Il sistema offre un alto comfort di mar-cia e un’enorme facilità d’uso della macchina. L’elemento essenziale dell’OCS è la ca-bina traslabile e girevole idraulicamente, che consente all’operatore di ottenere in modo rapido ed efficiente una visuale ottimale in ogni situazione. Il pregiato allestimento interno della cabina non lascia inesaudito nessun desiderio. “La visualizzazione su monitor delle immagini riprese da varie telecamere, i sensibili joystick di controllo della macchina e il potente climatizzatore automatico garantiscono condizioni di lavoro otti-mali in ogni stagione”, ecco come l’operatore Jürgen Dielefeld riassume i pregi dell’“Operator Comfort System”.

Professionisti al lavoro: dopo che la scarificatrice Wirtgen aveva ripristinato a regola d’arte l’area di par-tenza e arrivo, un pilota da corsa ha saggiato il “nuovo” manto della pista durante un giro di prova. Risultato: prova superata con esito positivo.

Professionisti al lavoro: dopo che la scarificatrice Wirtgen aveva ripristinato a regola d’arte l’area di par-tenza e arrivo, un pilota da corsa ha saggiato il “nuovo” manto della pista durante un giro di prova. Risultato: prova superata con esito positivo.

Così alla fin fine è stata una combinazione di attrezzature al top, tecnologie innovative e lavoro concentrato di tutte le parti coinvolte a ridare il giusto grip al circuito per gare motociclistiche. Quindi il direttore dei lavori ha stilato un bilancio positivo: “Abbiamo po-tuto eseguire l’intervento di ripristino senza compromettere troppo il calendario delle gare”.

IT