Missione reale in Arabia Saudita:

Il King Abdulaziz International Airport a Gedda, in Arabia Saudita, accoglie oltre 15 milioni di passeggeri all’anno. Gedda è la più importante città portuale sul Mar Rosso ed è situata a un’ottantina di chilometri dalla Mecca, meta di pellegrinaggio dei musulmani. L’aeroporto, intitolato al re Abd al-Aziz ibn Saud, padre fondatore dell’Arabia Saudita, è stato inaugurato nell’aprile del 1982. Oggi è uno dei tre aeroporti commerciali internazionali del regno saudita, si estende su un’area di 105 chilometri quadrati e dispone di tre piste di decollo e atterraggio.

La Wirtgen SP 500 renderà possibili il decollo e l’atterraggio dell’Airbus A380

Dati i crescenti volumi di traffico aereo e l’aumento dei tonnellaggi delle merci aeree, si è deciso di potenziare il KAIA Royal Terminal III. In un primo lotto di costruzione è stata pertanto ampliata di 31 000 m² la piazzola di sosta degli aerei. Sono già iniziati anche i lavori di ampliamento del campo di aviazione del terminal Reale, destinato ai voli della famiglia reale e degli ospiti di stato. È lì che, su un’area di 34 000 m², dovrà atterrare e decollare anche l’enorme Airbus A380. Il re Abdullah ibn Abd al-Aziz ha affidato la realizzazione di entrambi i progetti alla Binladin Group Rush Projects, che ha deciso di usare una finitrice a casseforme scorrevoli modello SP 500. Una buona scelta, come conferma il capo progetto M. Ali Mubayedh dopo l’ultimazione del primo lotto di lavori, che ha così riassunto i pregi dell’SP 500: “La macchina ha fornito brillanti risultati di stesa, e grazie alla compattazione elevata e costante si allunga la vita utile della pavimentazione aeroportuale. La finitrice a casseforme scorrevoli è assolutamente affidabile e la qualità del prodotto finale eccellente. Inoltre abbiamo potuto aumentare in misura significativa la produzione giornaliera”.

Grazie alla sua enorme resistenza a compressione, in futuro la pavimentazione sarà in grado di resistere alle sollecitazioni indotte da aeromobili pesanti come l’Airbus A380 senza che si formino ormaie o irregolarità superficiali simili.

Grazie alla sua enorme resistenza a compressione, in futuro la pavimentazione sarà in grado di resistere alle sollecitazioni indotte da aeromobili pesanti come l’Airbus A380 senza che si formino ormaie o irregolarità superficiali simili.

L’affidabilità della macchina e personale esperto fanno risparmiare tempo e costi

Il personale dell’impresa subappaltatrice Kabbani Construction Group – comprendente una squadra di circa 18 operai addetti alla stesa e altri operai preposti al taglio dei giunti o alla fornitura delle barre di trasferimento – ha steso perfettamente il calcestruzzo. L’eccellente risultato ottenuto è stato reso possibile non da ultimo grazie alla grande esperienza maturata dall’impresa subappaltatrice in altri progetti aeroportuali paragonabili – tra cui il Cairo International Airport in Egitto – usando macchine Wirtgen.

Una squadra eccellente: il team della Kabbani Construction Group è specializzato nella realizzazione di grandi progetti di opere in calcestruzzo – preferibilmente con macchine del Wirtgen Group.

Una squadra eccellente: il team della Kabbani Construction Group è specializzato nella realizzazione di grandi progetti di opere in calcestruzzo – preferibilmente con macchine del Wirtgen Group.

Durante la stesa di una pavimentazione in calcestruzzo larga 5 m e spessa 40 cm la Wirtgen SP 500 ha dimostrato per l’ennesima volta le sue grandi doti di resistenza e affidabilità. “Durante la realizzazione del primo lotto, durata tre mesi, non abbiamo riscontrato neanche un problema tecnico – nonostante dovessimo operare in condizioni molto estreme, con temperature talvolta superiori ai 50 °C. La macchina ha funzionato senza intoppi sei giorni alla settimana. Senza fare una sola ora di straordinario, siamo riusciti a completare i lavori addirittura prima del previsto, risparmiando pure sui costi”, aggiunge il capo progetto.

Una coclea distributrice stende omogeneamente sulla superficie predefinita il calcestruzzo scaricato a terra.

Una coclea distributrice stende omogeneamente sulla superficie predefinita il calcestruzzo scaricato a terra.

Tecnologie evolute: le attrezzature posa-barre di trasferimento e di legatura laterali

M. Ali Mubayedh è entusiasta delle tecnologie Wirtgen, tra cui rientra il principio di funzionamento delle attrezzature posa-barre di trasferimento e di legatura laterali. Improntata alla precisione e all’adattabilità, con l’ausilio di aghi elettrici vibranti ad alta frequenza e di un movimento verticale a comando idraulico, l’attrezzatura posa-barre ha annegato con precisione nel calcestruzzo, in senso longitudinale, le barre di trasferimento in ferro plastificato lunghe 500 mm. Il processo tecnologico di posa è stato studiato in modo che le barre di trasferimento vengano posate nella loro giusta posizione finale per tutta la larghezza operativa della macchina. I livellatori trasversale e longitudinale hanno garantito quindi la perfetta finitura superficiale della pavimentazione in calcestruzzo. Di conseguenza l’operatore della macchina ha potuto fare a meno di una seconda conca per la lisciatura del calcestruzzo. Per garantire la qualità ottimale del risultato finale, una squadra di rilevamento aveva controllato continuamente la superficie già durante la stesa e poi a lavoro ultimato. “Nei cantieri da noi gestiti gli operai addetti al treno di stesa e la squadra di rilevamento lavorano sempre a stretto contatto. Per noi la qualità ha la massima priorità e il nostro staff dimostra di esserne perfettamente consapevole”, spiega Mohammed Nour Almaarawi, responsabile della manutenzione presso la Al-Saubai Machineries, il distributore Wirtgen della regione.

Il secondo lotto di costruzione sarà ultimato entro ottobre 2012

Dopo aver completato con successo il primo tratto di pavimentazione, sono già in corso i lavori alla nuova area di parcheggio per l’Airbus A380. Anche in questo caso la pavimentazione in calcestruzzo deve soddisfare i massimi requisiti, in particolare a causa delle enormi forze esercitate dal grande peso dell’A380. “Anche stavolta una logistica impeccabile è indispensabile per una perfetta posa in opera del calcestruzzo”, spiega Mohieddine Sadek, amministratore della Al-Saubai Machineries.

Grazie alla pluriennale esperienza maturata come distributore Wirtgen in Arabia Saudita e ai numerosi grandi progetti realizzati, conosce molto bene le condizioni in loco, anche quelle relative al King Abdulaziz International Airport di Gedda. Perciò è fiducioso che il secondo lotto sarà ultimato come previsto entro ottobre 2012: “Da metà maggio la nostra finitrice a casseforme scorrevoli SP 500 sta già nuovamente procedendo metro per metro posando in opera il calcestruzzo in modo affidabile. Quindi siamo assolutamente nella tempistica”.

Dati del progetto:
Cliente: re Abdullah ibn Abd al-Aziz
Luogo: King Abdulaziz International Airport, Gedda, Arabia Saudita
Nome del progetto: Upgrade Face Extension of KAIA Royal Terminal III
Società appaltatrice: Binladin Group Rush Projects
Subappaltatore: Kabbani Construction Group
Laboratorio di prove sui calcestruzzi: Soil & Foundation Co. Ltd.
Volume d'investimento totale:
155 mln di riyal sauditi (33 mln di euro)
Volume d'investimento per la pavimentazione:
66 mln di riyal sauditi (14 Mio. EUR)
Personale: circa 18 operai più lo staff di gestione del progetto
1° lotto di costruzione: 20.02. - 05.05.2012, sei giorni alla settimana, 31 000 m²
2° lotto di costruzione: 16.05. - 10/2012, sei giorni alla settimana, 34.000 m²
IT