"Lavorare in Benninghoven è assolutamente motivante".

Coesione, possibilità di carriera e cultura aziendale ispirante

Nel Wirtgen Group si dà grandissima importanza al fatto che ogni collaboratore sia felice di venire al lavoro e sia pronto ad imparare ogni giorno. Solo in questo modo infatti possiamo puntare insieme a grandi obiettivi. Questo vale anche per Benninghoven. L'azienda specialista nella produzione di asfalto opera nel più moderno stabilimento del Wirtgen Group a Wittlich. Qui tutti i collaboratori godono di condizioni di lavoro ottimali e dispongono della possibilità di continuare a perfezionarsi e a crescere. Ovviamente questo vale anche per apprendisti, tirocinanti e nuovi assunti.

Scoprite maggiori informazioni nell'intervista con Katharina Kratz, una dei 550 dipendenti di Benninghoven, uomini e donne. Questa ragazza ha conseguito un Bachelor of Engineering in costruzione di macchine e ha stipulato un contratto in qualità di ingegnere junior per lo sviluppo, felice del futuro che la attende in Benninghoven.

Katharina Kratz, appena diplomata ha iniziato subito a lavorare per Benninghoven e ha da poco assunto l'incarico di ingegnere junior per lo sviluppo. Da quanto tempo perseguiva questo obiettivo?

Katharina Kratz: Ho sempre avuto sin da piccola a che fare con la tecnica. Durante i miei studi ho fatto apprendistato nel campo dell'elettronica e della costruzione di macchine. Poco dopo è stato subito chiaro, dunque, che la mia professione sarebbe andata in quella direzione. Solo non ero sicura se sarebbe stato meglio un tirocinio o un apprendistato. Poiché per me è importante l'applicazione pratica, il programma di formazione della Benninghoven mi aveva molto allettata.

Tolles Produkt

Cos'è il programma di formazione di Benninghoven?

Katharina Kratz: Prevede che i partecipanti studino ingegneria meccanica presso la "Hochschule Trier" e allo stesso tempo accumulino esperienze pratiche sotto forma di formazione tecnica. Si tratta dunque di un corso di studi duale, che unisce formazione e apprendistato. Oltre al corso di studio, si partecipa a un corso di formazione. Si può scegliere tra meccanica industriale, ingegneria delle costruzioni, design tecnico del prodotto e progettazione tecnica di sistemi. Si tratta pertanto di una formazione professionale affiancata alla pratica e combinata con il know-how scientifico di un corso di studi superiore. Era proprio quello che stavo cercando.

"La formazione professionale in Benninhoven è affiancata alla pratica e combinata con il know-how scientifico di un corso di studi superiore. Era proprio quello che stavo cercando".

Ha concluso, oltre che al suo corso di studi, anche un corso di formazione?

Katharina Kratz: Sì. Ho iniziato per prima cosa il mio percorso di formazione come meccanica industriale. E poi, dal secondo anno, è iniziato il corso di studi per il conseguimento del Bachelor of Engineering in costruzione di macchina.


Quanto è stato impegnativo?

Katharina Kratz: A me è andata in modo eccezionale. Un anno pieno di "sola" formazione mi ha molto aiutato nello studio. E ho potuto scegliere anche quando sostenere l'esame finale, nel momento in cui lo studio mi lascia un po' di tregua. La grande esperienza pratica, i colleghi nel nostro moderno stabilimento di Wittlich e il modo in cui Benninghoven unisce teoria e pratica sono tutte cose incredibilmente motivanti.

"La grande esperienza pratica, i colleghi nel nostro moderno stabilimento di Wittlich e il modo in cui Benninghoven unisce teoria e pratica sono tutte cose incredibilmente motivanti".

Com'è iniziare proprio lavorando in Benninghoven?

Katharina Kratz: Se si è interessate alla tecnica, si è curiose e si apportano contributi attivi, anche per i nuovi assunti come me si aprono tutte le porte. Trovo i miei colleghi molto aperti e pronti a dare una mano. Per non parlare dei nostri prodotti, che sono semplicemente "mega" affascinanti. Avevo sempre sognato di avere un datore di lavoro nel settore automobilistico. Ciononostante, questa profondità tecnica e la flessibilità di Benninghoven nel trovare la struttura della macchina "giusta" mi ha stimolato ancora di più. È chiaro: la produzione in serie è sempre e comunque la stessa. Ma le innovazioni apportano sempre per noi qualcosa in più, in modo da non annoiarsi mai.

Quello che mi ha entusiasmato sin dall'inizio sono le condizioni di lavoro, gli stabilimenti di produzione e l'architettura generale. La nostra sede a Wittlich è davvero il non plus ultra.


Di cosa ha trattato la tesi finale che ha scritto?

Katharina Kratz: L'argomento del mio lavoro di Bachelor sono state le emissioni di gas di scarico degli impianti di miscelazione dell'asfalto, pertanto uno dei tempi del futuro che sta più a cuore a Benninhoven, cosa che io ho trovato straordinaria. Abbiamo creato qui con il generatore di gas caldo le tecnologia leader per il riciclaggio dell'asfalto stesso. Attenendoci all'argomento e supportati dai collaboratori del dipartimento di ricerca e tecnologia di processo, abbiamo esaminato nel dettaglio quello che interessa davvero a Benninghoven.

"Quello che mi ha entusiasmato dall'inizio sono le condizioni di lavoro, gli stabilimenti di produzione e l'architettura generale. La nostra sede a Wittlich è davvero il non plus ultra".

Si sa che la misurazione delle emissioni va eseguita con impianti in funzione? Ha avuto anche contatti coi clienti?

Katharina Kratz: Sì, certo. La mia tesi di Bachelor includeva, oltre che a nozioni teoriche, anche la verifica dei risultati, naturalmente direttamente sugli impianti dei nostri clienti. Mi sono dunque fatta mostrare dai miei colleghi come funzionano gli strumenti di misura necessari. E poi via, si è saliti sulla piattaforma di misura sopra al camino degli impianti. La visuale a un'altezza di circa 25 m è stata per me, e lo è ancora, davvero illuminante.

Affinché il processo di misurazione potesse svolgersi in modo comodo, mi sono costruita un supporto per la tecnologia di misura, che i nostri apprendisti avevano preparato nell'officina di addestramento e tutto è andato alla meraviglia.

Come l'hanno accolta i clienti?

Katharina Kratz: Assolutamente in modo positivo. Quando qualcuno si interessa del loro impianto e notano che chi hanno di fronte sa quello che fanno, i gestori non possono fare altro che essere felici.


Quali sono oggi i Suoi compiti?

Katharina Kratz: Sono ancora nuova nel lavoro, ma mi focalizzo, all'interno del dipartimento di ricerca e tecnologia del processo, sull'ottimizzazione della tecnologia stessa e sulla riduzione delle emissioni. Trovo meraviglioso quando mi permettono di occuparmi di tutto l'impianto e non solo di un componente.


Sembra che le cose vadano bene e che Lei abbia trovato il suo ruolo nell'azienda.

Katharina Kratz: Assolutamente vero. E quando invece dovessi avvisare che il lavoro possa diventare noioso, ho la possibilità di svolgere anche molte altre attività in Benninghoven. Infatti da noi non succede mai che si svolga sempre le stesse attività. Benninghoven è un datore di lavoro molto flessibile, che stimo davvero.

"In Benninghoven tutto è possibile".

Il Suo lavoro si focalizza più sullo sviluppo o interagisce con i Suoi colleghi del dipartimento di ricerca e tecnologia del processo per soddisfare un aumento delle richieste dei clienti?

Katharina Kratz: Entrambe le cose ovviamente? In Benninghoven spesso succede che una richiesta del cliente innesca un processo di sviluppo. I clienti lavoro con i nostri impianti nell'attività pratica. Si devono dunque confrontare spesso con molte problematiche, ad esempio relative alla tecnologia di processo, ma anche con nuovi obblighi di tutela ambientale e con molte altre questioni. Se possiamo dare il nostro supporto allo sviluppo di soluzioni, siamo felici di farlo. In questo modo impariamo molto dai nostri clienti. Ci aiutano a migliorarci. Naturalmente anche noi facciamo di tutto per essere attivi e non rimaniamo solo seduti alle nostre scrivanie. Usciamo e andiamo dal cliente per vedere gli impianti sul posto. Discutiamo dunque le loro richieste e i loro desideri, ottimizziamo i processi e ci teniamo al contatto umano. Molte innovazioni sui nostri impianti hanno preso il via in questo modo.

Noi di Wirtgen Group viviamo davvero la partnership e sono dunque molto spesso le esigenze dei clienti a portare a soluzioni all'avanguardia. Grazie a questo e alla grande coesione tra i nostri colleghi, ho davvero la sensazione che: In Benninghoven tutto è possibile.